Le recenti disposizioni legislative vengono incontro alla dematerializzazione per eliminare inutili sprechi di carta, di conseguenza il  via libera alle nuove modalità di trasmissione  dei documenti giustificativi relativi ai beni immobili appartenenti al patrimonio dello Stato e beni appartenenti al demanio storico-artistico direttamente gestito dal Ministero  dell’Economia e delle Finanze  e per esso dall’Agenzia del demanio.

Si è avvertita la necessità, ed è quanto precisato dalla presente circolare, di  modernizzare e di semplificare   le modalità della trasmissione dei documenti quali :
le copie degli atti relativi a contratti di acquisto o di vendita;
le copie degli atti di concessione e dei contratti di locazione;
ogni altro atto idoneo a suffragare le movimentazioni intervenute nella consistenza dei beni immobili di proprietà dello Stato e nelle relative utilizzazioni nonché, ove disponibile, a documentare utili elementi e notizie inerenti ai beni stessi (ad esempio, visure catastali, schizzi planimetrici, planimetrie, ecc.).

I  documenti dovranno essere trasmessi con l’introduzione  di tecnologie informatiche nel rispetto delle disposizioni dettate dal Codice dell’Amministrazione Digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive modificazioni. Con riferimento alla deliberazione CNIPA 19 febbraio 2004, n. 11  e in particolare all’art. 8, è consentita l’utilizzazione di qualsiasi tipo di supporto di memorizzazione. E’ inoltre indispensabile che le immagini siano memorizzate su un adeguato supporto, in modo tale che sia assicurata la leggibilità nel tempo.

Restano, invece, invariate le modalità di invio dei documenti per i quali e’ prevista la trasmissione in originale (ad esempio, Modelli 4, 5 e 6), che continuerà ad avvenire su supporto cartaceo.

Le copie di tali atti saranno inviate dalle filiali dell’Agenzia del Demanio, previa operazione di memorizzazione su supporto diverso dal cartaceo.

I documenti memorizzati verranno inviati dalle filiali dell’Agenzia del Demanio insieme ad una nota di trasmissione contenente l’elenco dettagliato dei predetti documenti e dei nomi dei corrispondenti files.

 

 

Linkedin Facebook Twitter Plusone