Conservazione a norma in ambito clinico/sanitario | Conservazione Sostitutiva | IfinConsulting

Conservazione a norma in ambito clinico/sanitario

La maggior parte dei documenti analogici prodotti in ambiente clinico sanitario deve essere conservata a tempo illimitato. L’uso delle tecnologie costituisce l’elemento fondamentale per portare innovazione nella amministrazione pubblica e  ruota significativamente attorno al concetto di documento informatico. Con la nascita del documento clinico informatico e con l’osservanza delle imposizioni dell’art.43, comma 3 del Codice dell’Amministrazione Digitale si deve giungere alla conservazione per garantire allo stesso valore legale. In questo contesto ci sarà un  ineluttabile  coinvolgimento del Responsabile della Conservazione, che dovrà garantire il mantenimento nel tempo della documentazione, oltre al fatto di dover sovrintendere al processo.

Date le caratteristiche e la delicatezza delle informazioni contenute nel documento clinico informatico, è necessario studiare a fondo le  procedure e i processi a partire dalla formazione del documento fino alla sua conservazione. Il corso si propone quindi ai direttori UO e intende fornire un approccio pratico agli articoli del CAD che riguardano il ciclo di vita del documento informatico in termini di formazione, gestione, fruizione, trasmissione, conservazione  e ovviamente accessibilità ( art. 8 CAD).
Come è noto la conservazione riguarda sia la produzione digitale dei documenti sia la digitalizzazione di quelli  che erano formati in forma analogica. Per entrambi i processi verranno fornite informazioni normative per realizzare la loro piena attuazione.

 

Linee Guida Dematerializzazione in Sanità